Plicometro

word-imageIl Plicometro, e quindi la plicometria, permette la misurazione delle pliche, cioè dello spessore del doppio strato di cute e del tessuto adiposo sottocutaneo relativo ad un particolare distretto anatomico.

Tecnicamente la misura viene effettuata con un calibro, in genere a molla, definito plicometro, che deve esercitare una pressione costante e standardizzata (in genere 10 g/mm2)

La misurazione si effettua prendendo la plica tra pollice e indice ed applicando lo strumento. Per diminuire l’errore si effettuano tre misurazioni consecutive e si ricava la media.

Le pliche cutanee più usate sono:

  • bicipitale
  • tricipitale
  • sottoscapolare
  • sovrailiaca
  • addominale
  • coscia anteriore

I valori ottenuti vengono poi inseriti in una serie di equazioni attraverso le quali si stima la massa grassa.